Crea sito
02
feb

L’Apis Mellifica è un prodotto ottenuto dalla triturazione delle api.

Giusto a titolo informativo segnalo che sull’utilizzo di prodotti di origine animale da parte dell’omeopatia (come in questo caso, appunto) è in corso da qualche anno una polemica da parte di alcuni animalisti che pongono in particolare l’accento su una certa contraddizione fra la dichiarata impostazione “ecologista” in senso lato del metodo terapeutico (ricordo ad esempio che in omeopatia non esiste alcuna sperimentazione sugli animali) e la produzione di certi rimedi. Personalmente non ancora riesco a farmi una opinione precisa sulla questione per cui preferisco non pronunciarmi. Meno pertinente mi sembra invece, di primo acchito, la riserva di alcuni vegetariani ad utilizzare questo tipo di prodotti: ricordo che i rimedi omeopatici sono ottenuti attraverso una lunga serie di diluizioni (tanto che oltre una certa soglia non si rileva più alcuna traccia di molecole del principio attivo) e che la loro efficacia dipende in gran parte dal processo di dinamizzazione fra una diluizione e l’altra). Anche in questo caso però, non essendo io vegetariana e mancando quindi della necessaria sensibilità che ciò comporta, non mi sento di poter dare un giudizio sereno in proposito.

Dal punto di vista mentale il “tipo” Apis è un soggetto sempre indaffarato, attento nelle sue occupazioni quasi a livello maniacale. Come le api, non sta mai fermo (soprattutto da bambino) ma si irrita e diventa sospettoso e geloso se qualcuno invade il suo territorio: la casa e il mondo familiare sono il suo “spazio”, gli intrusi non sono ammessi. In genere però ama molto la compagnia e l’aggregazione.

Secondo il più classico degli esempi del principio omeopatico della “similitudine” (il simile cura il simile), l’Apis è particolarmente indicato per la cura dei sintomi correlati alle punture delle api (ma anche di altri insetti) e delle complicanze a livello respiratorio e digestivo che queste possono comportare e, più in generale, per ogni forma di edema con dolori brucianti associati a mancanza di sete e ipersensibilità verso la regione infiammata, infiammazioni cutanee, delle mucose e delle articolazioni.

In particolare, le indicazioni più importanti per l’Apis Mellifica riguardano:

- infiammazioni oculari con edema

- rialzi rapidi di temperatura corporea con dolori articolari

- ascessi che provocano bruciore vivo e prurito

- allergie ad alimenti o farmaci

- insolazione

- eritema solare

- infiammazione delle tonsille ad esordio repentino con gola bruciante

- orticaria con macchie gonfie e rosate

- dolori articolari con versamento

- bruciature

- brufoli e foruncoli

- dolori ovarici spesso associati a dismenorrea.

Tutti i sintomi Apis peggiorano di notte, con il calore e con il contatto, migliorano con applicazioni fredde. Generalmente hanno una prevalenza laterale destra per diffondersi poi rapidamente a tutta la regione interessata.

Per approfondimenti sull’omeopatia in generale, le diluizioni e le modalità di utilizzo del prodotto clicca qui.

02
feb

L‘Arnica Montana è un rimedio estratto da una pianta perenne della famiglia delle Composite, chiamata appunto arnica montana .
E’ una pianta abbastanza robusta a fusto eretto che emmette fiori piuttosto caratteristici dal gradevole odore asprigno e di colore giallo-arancio. E’ alta mediamente 20 – 40 cm., ma in condizioni ottimali può raggiungere anche 60-70 cm.
Come suggerisce il nome, è una pianta che cresce in altura oltre i 500 m s.l.m. ma non oltre i 2500.
In Europa cresce pressocchè ovunque (tranne che in Gran Bretagna) prediligendo terreni poveri e un po’ acidi.
E’ dichiarata specie di flora protetta.
Come gran parte delle piante utilizzate in omeopatia, risulta velenosa se ingerita in grosse quantità.
Prima che in omeopatia, l’Arnica Montana ha avuto un largo utilizzo sia nella medicina popolare che in fitoterapia sotto forma di tinture, creme e infusioni per uso esterno contro contusioni e dolori articolari di diversa natura.
Il “tipo” Arnica Montana è sostanzialmente un pigro, si stanca gran facilità ed è di salute cagionevole.
Quando sta male diventa insofferente verso tutti, anche verso chi lo vuole aiutare. Di temperamento solitario, ama poco la conversazione e spesso è di umore triste. Quasi sempre è concentrato sui propri malanni e dolori. Teme più di ogni altra cosa di essere toccato nelle parti che gli procurano dolore.
In omeopatia l’Arnica Montana viene utilizzata, anche sotto forma di pomata per coadiuvare l’azione della tradizionale terapia orale, per tutte le forme algiche successive a traumi di qualsiasi natura, sia nelle fasi acute che in quelle cronicizzate, esercitando un’azione antidolorifica e antiinfiammatoria.
Quindi il suo utilizzo è indicato in primo luogo per contusioni, ecchimosi, fratture, distorsioni, indolenzimenti o infiammazioni muscolari, stato di debolezza generalizzata, lesioni di varia natura.
L’Arnica montana esercita la sua azione anche per così dire a livello preventivo: è infatti il rimedio principe per gli atleti o per tutti coloro che si accingono a sostenere un prolungato sforzo muscolare, per chi deve sottoporsi ad un intervento chirurgico di qualunque tipo (compreso una banale estrazione dentaria), per chi inizia una gravidanza, ecc., perchè esercita una potente azione vasocostrittrice e quindi aiuterà a velocizzare i tempi di guarigione riducendo edema e sanguinamento.
Anche a livello psichico l’Arnica trova applicazioni quali ad esempio: affaticamento mentale da super lavoro (associato a sintomi quali perdita di memoria, facile distraibilità, difficoltà a trovare le parole appropriate per esprimersi), traumi psichici di vecchia data.
Tutti i sintomi Arnica peggiorano in genere con il contatto e durante il sonno, migliorano con applicazioni calde.
Per approfondimenti sull’omeopatia in generale, le diluizioni e le modalità di utilizzo del prodotto clicca qui.